L’ acciaio inox è free nichel? Si, ma dipende da quale scegli.

Ogni settimana moltissime persone, incuriosite dalla  mia tecnica e dalla mia caparbietà nella scelta dei metalli utilizzati per completare i miei gioielli, mi chiedono se le mie creazioni possono essere indossate anche da chi soffre di ippoallergie e di sensibilità al nichel.

In questi anni ho cercato e testato su di me perni e catene di vari metalli, per comprenderne la durata, gli stadi di ossidazione che avvenivano del tempo e le reazioni che provocavano sulla mia pelle. Ho scoperto l’ esistenza di alcuni tipi di acciaio inox, ed oggi desidero parlarvene facendovi scoprire le loro grandi qualità.

L’ acciaio inox è free nichel, ma…

Il perno che monto sulle mie creazioni è in acciaio inox 304/L, un tipo di acciaio inossidabile che non rilascia particelle di nichel, diventando così adatto ad essere indossato da chi soffre di alcune forme di allergia e di sensibilità a certi componenti presenti nei metalli comuni che irritano la pelle. La monachella che utilizzo a chiusura è dello stesso acciaio.
Tre quarti delle persone che entrano in contatto con me hanno la necessità di indossare orecchini i cui metalli siano riconoscibili e sicuri.

L’ acciaio inossidabile ha tanti vantaggi e possono essere adatti per non provocare diverse sgradevoli situazioni:

  • E’ Ipoallergenico, cioè non provoca reazioni sulla pelle tranne in alcuni casi .
  • Non corrode, non perde lucentezza, non ossida in parole povere; è la caratteristica fondamentale dell’ acciaio inox che lo ha fatto scegliere come metallo utilizzato anche da importanti brand di gioielleria conosciuti qui in Italia. E’ un metallo dalla lunga resistenza.
  • A mano nuda, è resistente, duro e poco maneggevole;
  • Non richiede una manutenzione importante.
  • Non rilascia il Nichel, a patto sia utilizzato l’ acciaio di tipo 304L o 316L ( e l’ acciaio chirurgico ).

Il motivo per cui ritengo ottima la scelta di offrire l’ acciaio 304/L come componente dei miei gioielli, sta nel fatto che non corrode, grazie ad una pellicola protettiva che si forma grazie ad una percentuale minima del 11 % di cromo che rende così il metallo protetto dai fattori esterni.

Qualche dettaglio sulle leggi in vigore.

E’ giusto conoscere la normativa europea EN 10.088-13, nella quale è stato stabilito che un acciaio è  inossidabile se contiene almeno il 10,5% in peso di cromo e l’1,2% massimo di carbonio.

Per free nichel non si intendono materiali con assoluta assenza di nichel, bensì si riconoscono come tali quei metalli il cui tasso tasso di cessione di nichel rilasciato supera 0,2 mg / cm² a settimana, nel caso si parli di bigiotteria da portare sul corpo o in lesioni (buchi nelle orecchie o piercing)*. Infatti in Nichel è importante poiché rende la lega flessibile, malleabile e con la capacità di assorbire un urto senza rompersi.

*La direttiva europea sul Nickel (94/27/CE, come modificata il 27 Settembre 2004)

Ora qui sotto vi mostrerò tre orecchini di perle di carta a cui ho montato i perni realizzati con questo efficiente metallo.

"<yoastmark

"<yoastmark

"<yoastmark

Desidero confrontarmi con voi.
Conoscete altri metalli che sono free nichel o hanno subito un trattamento che li rendono free? Sono materiali sicuri, che possono essere indossati?

Come sempre, vi aspetto nei social di Cè Lèste creazioni, su fb , Ig e su g+

Grazie.

Celeste di Cè Lèste creazioni

1 Commento su L’ acciaio inox è free nichel?

I Commenti sono chiusi.